Lezione dell’ 1.12.2017

postato in: Diario di bordo | 1

Cari genitori,

anche oggi il nostro lavoro con i ragazzi è iniziato con un riscaldamento; questa volta abbiamo provato a lavorare soltanto con il corpo e comunicare senza parole; anche la spiegazione degli esercizi, dunque, è avvenuta senza parole.

L’obiettivo, come molti di voi intuiranno, era quello di fare abituare i ragazzi a lavorare senza parlare ed a concentrarsi sull’ascolto, che consiste anche nel prestare la massima attenzione. In parecchi momenti l’esperimento è riuscito, ma sicuramente l’esercizio verrà ripetuto la prossima volta, la durata di questo lavoro silenzioso sarà più lunga e si comunicherà solo con il corpo anche per fare delle domande.

In seguito si è lavorato sulle torsioni, che possono essere utilizzate in vari modi, per esempio per alzarsi da terra ma anche come elemento per costruire dei movimenti.

Le nostre improvvisazioni di oggi sono state ‘le cadute da cavallo’, un lavoro a coppie che era propedeutico ad una scena che troveremo nel nostro spettacolo.

L’ultima parte del lavoro è stata un gioco che utilizzava una connessione tra parole e significati, e serviva a prepararsi su una parte del testo che reciteremo; le battute si collegavano tra loro in base non ad un significato, ma soltanto al senso di una parola (in una delle modalità che troviamo spesso nei testi di Lewis Carroll).

Tutto il lavoro si è svolto con grande creatività, gli spunti venuti fuori sono stati davvero parecchi, e molti dei ragazzi hanno annotato qualcosa sul loro quaderno.

Il problema della disciplina rimane un aspetto che bisogna curare parecchio; bisognerà anche quest’anno decidere insieme ai ragazzi cosa vogliano veramente fare, se frequentare il laboratorio di teatro per chiacchierare tutto il tempo e seguire solo in parte il lavoro degli altri e le indicazioni di chi lo conduce, oppure invece se vogliano decidere di concentrarsi sul serio per poter dare tutti il meglio, senza sprecare le loro incredibili potenzialità.

Il gruppo è davvero bellissimo, ci divertiamo molto, ma proprio per questo, e proprio perché ci piace, bisogna riuscire a rispettarsi tutti, gli uni con gli altri, e ad imparare gli uni dagli altri.

La prossima volta stimoleremo la riflessione dei ragazzi su questo aspetto.

Vi diamo appuntamento alla prossima lezione!

 

  1. sante

    Grazie di tutto e buon fine settimana dell’Immacolata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.